Sesto Calende (Va), 01 novembre 2019   |  

Sesto Calende controlli dei Carabinieri in stazione

L'Arma dei Carabinieri, giovedì 31 Ottobre, ha effettuato una serie di controlli alla stazione di Sesto Calende rivolti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. L'operazione ha portato a due denunce e ad una espulsione

Carabasete

Giovedì mattina 31 Ottobre,  i Carabinieri della Stazione di Sesto Calende hanno effettuato servizi mirati per il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi della stazione ferroviaria.

Un giovane italiano di 26 anni è stato denunciato per il reato di danneggiamento aggravato, perché accusato di aver rotto con un calcio la porta di ingresso della stazione ferroviaria dopo aver saputo che un treno era stato soppresso.

Il ragazzo è stato immediatamente rintracciato dalla pattuglia dei carabinieri mentre si trovava a bordo di un pullman diretto ad Angera. Sempre nei pressi della stazione ferroviaria, i militari hanno notato due giovani dall’aria sospetta che, alla loro vista, provavano a dileguarsi frettolosamente.

Bloccati ed identificati, uno dei due, ivoriano di 22 anni incensurato, è stato trovato in possesso di 10 grammi di hashish già suddivisi in piccole dosi; per tale motivo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I Carabinieri hanno poi deciso di estendere ed approfondire il controllo anche nell’abitazione del giovane extra-comunitario.

Entrati nell’appartamento hanno scoperto che all’interno si nascondeva un nigeriano di 28 anni pregiudicato, irregolare sul territorio italiano, che aveva da mesi fatto perdere le proprie tracce, sottraendosi all’esecuzione dell’ordine di espulsione immediato emesso dalla Questura di Varese. I militari lo hanno quindi condotto presso l’aeroporto di Malpensa dove è salito a bordo del primo aereo utile diretto in Nigeria.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter