Como, 12 gennaio 2020   |  

Sicurezza Polfer 344 arresti in Lomabrdia nel 2019

L'attività della Polizia Ferroviaria ha prodotto nella Regione Lombardia nel 2019 344 arresti, 208.056 identificazioni, 3.017 denunce, 106 persone scomparse rintracciate nel 2019

departure platform 371218 640

Nel 2019 le stazioni Lombarde gli agenti della Polfer hanno presidiato, con ottimi i risultati, le stazioni Lombarde. Così commenta così l’ex vice sindaco di Milano ed assessore regionale alla sicurezza, polizia locale ed immigrazione, Riccardo De Corato, il bilancio degli interventi del 2019 della Polizia Ferroviaria nelle stazioni e sui treni lombardi.

«Sono 30.098 servizi di vigilanza negli scali, 12.700 servizi di scorta ai treni viaggiatori, 4.514 servizi di pattuglia alle linee ferroviarie, 2.283 servizi antiborseggio e 124 pattuglioni straordinari. 208.056 persone sono state identificate, 3.017 denunciate e 344 arrestate. Sono centinaia le aggressioni al personale, con e senza referto medico, ai viaggiatori, le molestie e le minacce al personale. Ormai la Polizia Ferroviaria opera su tutti i fronti, si pensi che nell’anno appena concluso ha rintracciato 106 persone scomparse delle quali 81 minori. Le stazioni sono sempre la porta d’ingresso delle città e il loro presidio diventa fondamentale per evitare che si trasformino in fortini dell’illegalità», continua De Corato 

«Presto come Assessorato, aggiunge l'assessore, saranno messe in campo a partire dalle linee ferroviarie lecchesi più problematiche le misure contenute nel ‘progetto pilota’ che alla fine dello scorso anno ho illustrato al Prefetto di Lecco, e che prevedono che carabinieri in congedo, poliziotti in pensione ed esponenti delle forze dell'ordine e delle polizie locali, salgano sui treni in aiuto ai capitreno e come assistenza in caso di emergenze. Una soluzione possibile come deterrente per eventuali malintenzionati o delinquenti, per accrescere il senso di sicurezza dei passeggeri, ma anche come prevenzione di atti delittuosi».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

31 Maggio 1972 a Peteano (Gorizia) una pattuglia di carabinieri, accorsa in seguito ad una telefonata, incappa in una bomba: tre le vittime. Il fatto sarà ricordato come strage di Peteano

Social

newFB newTwitter