Como , 23 marzo 2020   |  

Smart Como accorcia le distanze in città

In questo momento di grande difficoltà in cui è stato necessario modificare radicalmente le proprie abitudini, l’amministrazione comunale propone una serie di iniziative insieme alle realtà del territorio che vorranno partecipare.

italy 3500409 640

Lo slogan #iorestoacasa, ma allo stesso tempo #Comononsiferma, possono essere uno stimolo e un’occasione per tutti noi, nel rispetto delle regole, per ripensare alle nostre potenzialità e realizzare nuove modalità di fruizione.

Nei prossimi giorni proveremo a far entrare virtualmente il pubblico nei nostri musei, a intrattenere i più piccoli leggendo loro delle storie, e condivideremo le proposte che arriveranno nell’ottica di offrire un servizio e un’occasione diversa dal solito.

Alle associazioni culturali, sportive, sociali, è stata rivolta la proposta di partecipare attivandosi in questo senso e segnalando gli appuntamenti digitali già in programma che possano risultare di interesse per i cittadini di ogni fascia di età, di Como e non solo. Gli interessati possono condividere le proprie proposte scrivendo a "comunico@comune.como.it".

A breve saranno attivati una nuova sezione del sito visitcomo.eu, una pagina Facebook e un nuovo canale Youtube denominati “Smart Como”, che permetteranno di condividere e riunire le diverse proposte per la comunità.

Su questi canali saranno fruibili anche le iniziative della rete dei Musei Civici e degli asili nido. Per gli asili nido è già stato attivato un apposito canale YouTube (“Asili nido di Como”), pensato per mantenere vivo e costante il rapporto tra bambini ed educatori: l’amministrazione ringrazia gli educatori che si stanno adattando a questi nuovi tempi con forza, dolcezza e spirito.

La newsletter del Comune, "ComuniCo", è attiva e potrà continuare a promuovere una programmazione di incontri non fisici, ma digitali, riducendo la distanza tra i cittadini e la città.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

1 Aprile 1924  Adolf Hitler è condannato a cinque anni di prigione per la partecipazione al Putsch di Monaco. Vi rimane solo nove mesi, durante i quali scrive Mein Kampf

 

Social

newFB newTwitter