Milano , 20 aprile 2017   |  

"Space girls" mostra da far conoscere a studenti

L'Assessore all'inaugurazione al museo della Scienza e della Tecnica da donne reporter a scatti di scienziate che lavorano nello spazio

672x372xspace gilrs Museo Scineza Milano 672 672x372.jpg.pagespeed.ic.tN7C2 i14R

L'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea è intervenuta all'inaugurazione della mostra 'Space girls, space women' allestita al museo nazionale della Scienza e della Tecnologia 'Leonardo da Vinci' e che da domani, giovedì 20 Aprile, sarà visitabile fino al 20 Giugno. In esposizione gli scatti realizzati in tutto il mondo, da Nairobi a Mosca, da Bangalore a Monaco, dal deserto di Atacama ai sobborghi di Smirne.


"Considero un grande merito dell'Agenzia spaziale italiana essersi impegnata in questa mostra; sono legata ad Asi da un rapporto di collaborazione che risale a quando ho ricoperto incarichi di governo e in Parlamento: so quanto si dia da fare e quali sforzi di comunicazione compia per far conoscere la sua attività ai cittadini e soprattutto ai giovani.  Questi saperi  devono entrare nel vissuto quotidiano. Il compito delle istituzioni è indirizzare verso questi ambiti tutte le giovani generazioni e soprattutto le giovani donne: abbiamo bisogno della loro intelligenza e della loro capacità".


La rassegna è stata realizzata da un team di sole fotografe che ha ritratto 3 diverse generazioni di scienziate, ricercatrici, studentesse e appassionate in diversi contesti socio-economici. La mostra, che sarà inaugurata nel mese di maggio a Roma presso la sede Asi, è inserita nel programma del Milano Photofestival 2017 e nel programma dell'iniziativa Stem in the City con il patrocinio del Comune di Milano. L'acronimo Stem riunisce Science technology engineering mathematics, tutti ambiti che in una società permeata dalle tecnologie offrono opportunità' di lavoro. Il progetto è stato reso possibile grazie all'Agenzia spaziale europea (Esa) e al supporto di altre istituzioni europee.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter