Milano , 05 giugno 2019   |  

Sport e legalità presentato a Milano

Un progetto con la Guardia di Finanza e Ufficio Scolastico che ha coinvolto 60 ragazzi nelle sedi delle Fiamme Gialle

Sport+e+legalita

Lo sport come rivincita sociale. Le regole come esempio per trovare uno scopo nella vita. La pazienza e la perseveranza della Guardia di Finanza con 60 adolescenti Lombardi difficili. Sono queste gli input positivi che hanno veicolato i risultati della prima edizione del progetto 'Sport e Legalità' dell'assessorato allo Sport e Giovani della Regione Lombardia. 

A presentare in veste di relatori la prima edizione del Campus erano presenti allo 'Striving for quality, la 27esima edizione della Conferenza Europea sui Servizi Sociali, l'assessore regionale a Sport e Giovani, il generale della Guardia di Finanza Vincenzo Parrinello e Mariella Trapletti dell'Ufficio scolastico Regionale. 

Nel 2019 abbiamo fatto partire grazie alla collaborazione con la Guardia di Finanza e l'Ufficio scolastico regionale il primo progetto lombardo di 'Sport e Legalità' che ha permesso a tre classi, oltre 60 studenti "difficili" del biennio delle superiori, di partecipare ad una settimana di campus nelle tre sedi della Guardia di Finanza di Predazzo, Sabaudia e Castelporziano. L'obiettivo del progetto era di utilizzare lo sport come mezzo di rivincita sociale in un contesto di regole, ma anche di umanità e affetti, come i quartier generali della GdF" ha sottolineato l'assessore di Regione Lombardia a Sport e Giovani. 

«Grazie al progetto europeo 'Boss' - ha spiegato l'assessore regionale allo Sport e giovani - abbiamo ottenuto indicatori oggettivi che dimostrano come lo sport sia un'occasione dalle molteplici sfaccettature per la sua funzione sociale, per la formazione della persona, per favorire la socializzazione, per aumentate il benessere individuale e collettivo, strumento di inclusione ed integrazione sociale, di lotta alla discriminazione, di promozione delle pari opportunità e rimane uno dei modi migliori per contrastare il fenomeno della dispersione e abbandono scolastico». 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Settembre 324 Costantino I sconfigge definitivamente Licinio nella battaglia di Crisopoli, diventando l'unico imperatore dell'Impero romano.

Social

newFB newTwitter