Milano , 07 novembre 2017   |  

Stato-Regioni: dopo il referendum nuova fase

di Alberto Comuzzi

Entro questa sera, di martedì 7 Novembre, l'approvazione del documento con cui il presidente Maroni si recherà a Roma per aprire il dialogo con il Governo

ref aula 0

Dibattuta questa mattina nell' aula consiliare della Regione Lombardia la proposta di “Risoluzione n. 97” di iniziativa dei consiglieri Raffaele Cattaneo e Carlo Malvezzi “concernente l'iniziativa per l'attribuzione alla Regione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell'art. 116, terzo comma, della Costituzione”.

Dalla proposta del Gruppo Consiliare del Pd, unanimemente accettata, di accorpare le materie per le quali la Regione Lombardia chiede maggiore autonomia allo Stato sono emerse le seguenti aree: Istituzionale; Finanziaria; Ambiente e Protezione Civile,Territorio e Infrastrutture; Economia e Lavoro; Cultura, Istruzione e Ricerca Scientifica; Sociale e Sanitaria (Welfare).

Nella delibera che sicuramente sarà approvata con eventuali emendamenti nel corso del pomeriggio di particolare interesse è il punto b) in cui si impegna il Presidente della Regione “a definire, nell'intesa con il Governo, il complessivo assetto delle potestà normative, con la definizione di rapporti chiari tra legislazione, potere regolamentare e relative funzioni amministrative inserendo delle clausole di garanzia a favore dell'autonomia ottenuta rispetto alle successive leggi statali, anche di stabilità o di coordinamento della finanza pubblica, in osservanza del principio di leale collaborazione tra Stato e Regione affinché siano salvaguardati livelli adeguati di risorse finanziarie correlate alle competenze acquisite per non vanificare l'obiettivo di mantenere nel tempo l'autonomia conseguita”.

Detto in altre parole, come ha sottolineato il consigliere Stefano Bruno Galli, il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, dovrà preoccuparsi di chiedere al Governo di realizzare un luogo di composizione di eventuali conflitti che dovessero nascere tra Stato e Regione; per esempio una Commissione Parlamentare per le questioni regionali.

Stefano Bruno Galli, ha sottolineato la schizofrenia tra due articoli della Costituzione, il 114 che invoca la collaborazione istituzionale e il 117 che talvolta, viceversa ne alimenta il conflitto.

Nel percorso nuovo delle relazioni tra Stato e Regioni, apertosi dopo il referendum del 22 Ottobre, da parte di queste ultime si vuole evitare che, una volta ricevute le deleghe per gestire nuovi servizi, lo Stato con leggi ad hoc non trasferisca le necessarie risorse per garantirli.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newFB newTwitter