Mozzate, 11 febbraio 2024   |  

Stazione Carabinieri di Mozzate uomo armato di pistola minaccia una cameriera.

L'uomo è stato denunciato in stato di libertà per porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere e minaccia aggravata un 48enne pluripregiudicato.

carabinieri pistola

L’attività dei militari finesi, ha inizio sabato 10 Febbraio  alle 22:00, quando su richiesta dell’operatore della Centrale Operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Cantù, la pattuglia della medesima Stazione Carabinieri e quella della Stazione Carabinieri di Mozzate, venivano inviate in emergenza in una pizzeria, poiché era stato segnalato un uomo armato di pistola che stava minacciando una cameriera.

Poco prima, lo stesso uomo, poi identificato in un 48enne della zona, pluripregiudicato, si era presentato all’interno della pizzeria, in stato di alterazione, presumibilmente ubriaco, con al seguito due cani aggressivi di grossa taglia ed un pitone al collo.

La cameriera ed il proprietario del locale, vista la situazione, si rifiutavano di servirgli alcolici e lo invitavano ad uscire dal locale. Come risposta il 48enne iniziava ad agitarsi e minacciava di far saltare in aria il locale, aggiungendo che sarebbe ritornato con una pistola. 

Il pregiudicato si ripresentava in pizzeria impugnando una pistola con la quale minacciava la cameriera, solo l’intervento di un cliente riusciva ad allontanare il 48enne dal locale. I militari, giunti sul posto, sentivano nell’immediato i testimoni e dopo una veloce ricostruzione riuscivano a capire di chi si trattava.

Giunti all’abitazione del pregiudicato, procedevano alla perquisizione dell’abitazione, rinvenendo l’arma usata per minacciare la cameriera, una pistola a salve “scacciacani” marca Bruni modello 92 cal. 9 mm di colore nero, priva di “tappo rosso”, del tutto simile alle armi in dotazione alle Forze di Polizia.

L’arma è stata posta in sequestro ed il pregiudicato denunciato in stato di libertà, inoltre i militari accertavano che gli animali era tenuti in modo regolare.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Marzo 1953 Josif  Vissarionovič Džugašvili Stalin muore a Mosca a seguito di un attacco cerebrale

Social

newFB newTwitter