Lecco, 26 febbraio 2018   |  

Uil: inizio 2018 in chiaroscuro per il settore tessile comasco

Monteduro: le ore di cassa integrazione ordinaria in questo settore a gennaio 2018 sono state 87.563 ore

Monteduro Salvatore Uil

"Il 1° rapporto annuale UIL del Lario conferma la flessione della richiesta di cassa integrazione totale da parte delle aziende Comasche e Lecchesi. Un dato che però, è bene precisare, è carente dei dati relativi alle ore autorizzate di FIS (Fondo d’integrazione salariale) e altri Fondi di Solidarietà, dati non diffusi dall´Inps, oltre alle prestazioni erogate dal Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (Fsba). Altro dato che è da considerare nell’analisi della cassa integrazione è l’abrogazione della cassa in deroga, che ha fortemente inciso, quantitativamente, sui dati nel passato e, dall’altra, l’introduzione di un costo più elevato della straordinaria Detto ciò resta una situazione differente nella ripresa economica tra il Territorio di Como ancora altalenante a causa delle imprese tessili che soffrono e stentano ad uscire dalla crisi economica. Mentre, la Provincia di Lecco vive una ripresa più sostanziale, anche se qui sono ancora molte le aziende in difficoltà": così Salvatore Monteduro, segretario generale della Uil del Lario (Lecco-Como) inquadra i nuovi dati sull'utilizzo degli ammortizzatori sociali.

Il 1° rapporto UIL del Lario sulla cassa integrazione nelle Province di Como e Lecco gennaio 2018 conferma una diminuzione della richiesta di ore di cassa integrazione totale da parte delle imprese dei due territori rispetto allo stesso mese dell’anno 2017:   Como                -59,8% e   Lecco     - 41,6%;

A condizionare ancora una volta l’aumento della richiesta di cassa integrazione ordinaria a gennaio 2018, in Provincia di Como, sono state soprattutto le aziende del distretto tessile, le ore di cassa integrazione ordinaria in questo settore a gennaio 2018 sono state 87.563 ore, mentre a gennaio 2017 erano 0, ed hanno inciso per il 56,4% rispetto alla cassa integrazione ordinaria totale (ore 155.117) richieste nel mese di gennaio 2018. 

Un inizio anno che si conferma in chiaroscuro per le imprese e i lavoratori del settore tessile della provincia di Como, con 515 dipendenti in cassa integrazione.    

Mentre per quanto riguarda la Provincia di Lecco, il distretto metalmeccanico, uno dei settori economici più rilevanti del tessuto produttivo territoriale, si conferma la ripresa economica: la richiesta di ore di cassa integrazione ordinarie a gennaio 2018 è diminuita del -73,1% rispetto a gennaio 2017. I lavoratori in cassa integrazione nel settore nel corso di gennaio 2017 sono stati 33.  

Tutti i settori economici di entrambe le Province hanno visto una riduzione della richiesta delle ore di cassa integrazione totali a gennaio 2018 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente:
Industria:   Como -56,4%;  Lecco -27,2%.
Edilizia:  Como -7,6%;  Lecco -10,5%.
Artigianato:  Como -100,0%;  Lecco -100,0%.
Commercio:  Como -99,1%;  Lecco -100,0%.

Rilevante il calo dei lavoratori in cassa integrazione a gennaio 2018, Como -1.360, Lecco -140, rispetto a gennaio 2017.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newFB newTwitter