Lugano , 21 maggio 2020   |  

Un 2019 positivo per Lugano

di cristiano comelli

Una cifra emerge su tutte: 6,7 milioni di franchi. Il comune di Lugano ha mandato in archivio il 2019 con un avanzo di amministrazione che regala sorrisi.

bag 147782 640

Lugano si prepara ad affrontare l'immediato futuro, oltrechè con un graduale riabbraccio della normalità dopo l'apice dell'emergenza Covid-19, anche con le spalle larghe sul piano delle finanze. "Il risultato 2019 - recita una nota diffusa dal municipio - presenta maggiori ricavi rispetto al preventivo aggiornato di quasi 15,2 milioni . I maggiori introiti fiscali, che hanno inciso sul risultato positivo del consuntivo, ammontano complessivamente a 30,7 milioni di cui 12,4 per sopravvenienze fiscali di gettito degli anni precedenti e 2,8 di aggiornamento della stima del gettito di consuntivo".

All'elenco si aggiungono anche gli 11,6 per le imposte sulle persone fisiche e 2,1 di ritenuta alla fonte. Piena soddisfazione, quindi, evidenziata anche dalla constatazione di un virtuosismo fiscale saldamente radicato nella popolazione cittadina. Freccia verso l'alto per i costi che si incrementano di 13,2 milioni rispetto al preventivo del 2019 e di 23,6 se raffrontati al consuntivo 2018. Notevole il capitolo investimenti con i suoi 51,8 milioni, cifra inferiore al preventivo dell'anno alle spalle che era stato stimato in 63,7.. "Da rilevare- spiega il comune- gli importanti investimenti realizzati nelle costruzioni edili che raggiungono quasi i venti milioni di franchi".

Che, nel dettaglio, sono stati "spalmati" in 8,5 milioni per destinazioni di carattere sociale,4,2 in edifici scolastici e 3,9 in impianti sportivi. Il comune mostra anche di godere di buona salute sul piano dell'autonomia finanziaria con un grado di autofinanziamento pari al 115,4 per cento. Una cifra che, spiega ancora il comune governato dal sindaco Marco Borradori, "garantisce la copertura integrale degli investimenti e contribuisce in modo diretto al contenimento dell'indebitamento". L'amministrazione luganese mette però prudenzialmente le mani avanti non nascondendo il fatto che la pandemia da Covid-19 renderà un po' più difficile la gestione finanziaria.

E afferma che "gli ottimi risultati ottenuti nel risanamento delle finanze cittadine potrebbero essere in parte vanificati dalla crisi sanitaria, sociale ed economica prodottasi a partire dal mese di marzo". Ma l'oculata gestione emersa dal bilancio consuntivo dello scorso anno consente di poter gettare le basi di un rilancio che richiederà tempo ma è già stato nei fatti impostato "con azioni mirate e coordinate per la popolazione e per le nostre imprese".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Social

newFB newTwitter