Como , 02 ottobre 2018   |  

Una mostra dedicata a Giovanni Battista Montini Paolo VI Santo

Domenica 14 ottobre verrà proclamato Santo Giovanni Battista Montini (1897-1978), salito al soglio pontificio nel 1963 con il nome di Paolo VI.

i 20181001 175651 002

Per ricordare Paolo VI in occasione della sua canonizzazione, la Casa Divina Provvidenza propone una mostra dal titolo Giovanni Battista Montini Paolo VI Santo: «quell’intesa reciproca di pensiero e di affetto» con la famiglia guanelliana, che sarà esposta da sabato 6 a domenica 21 ottobre nella cappella del Sacro Cuore nell’omonimo Santuario di via Grossi a Como.

Le vicende del nuovo Santo e quelle della famiglia guanelliana si sono infatti intrecciate più volte, seguendo quelle straordinarie “vie della Provvidenza” che don Guanella era così attento a scorgere nelle trame della storia personale e collettiva.

In dieci pannelli, realizzati a cura di MT Promozione, saranno ripercorsi, con brevi frasi e preziose immagini d’epoca (alcune anche inedite), i momenti più intensi del rapporto che il nuovo Santo ha avuto con la famiglia guanelliana: da arcivescovo la consacrazione della chiesa di S. Gaetano a Milano (24 novembre 1960); da papa la beatificazione di don Luigi Guanella (24 ottobre 1964); la visita alla parrocchia di S. Giuseppe al Trionfale a Roma (14 marzo 1965); la chiusura del Concilio Vaticano II (8 dicembre 1965), quando affidò il messaggio conciliare Ai poveri, agli ammalati e a tutti coloro che soffrono a un ospite della nostra Casa “S. Giuseppe”; la visita alla Casa femminile “S. Pio X” (27 febbraio 1966) e i numerosi saluti a margine di udienze.

Sarà anche esposta una scultura in bronzo di Alfredo Vismara raffigurante Paolo VI, solitamente conservata nel Museo “Don Luigi Guanella” di Como. Sul sito web "www.operadonguanellacomo.it" sarà possibile visionare i pannelli della mostra attraverso una speciale tecnologia a 360° ottimizzata e compatibile con tutti i dispositivi (PC, tablet, cellulare).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter