24 ottobre 2016   |  

A Cantù non bastano due set perfetti per vincere contro Civita Castellana

Coach Della Rosa: "Abbiamo giocato i primi due set molto bene. Non abbiamo vinto, è vero, ma contro questi avversari ci può stare"

libertas_civitacastellana.jpg

Dopo oltre due ore di gioco è la Ceramica Globo Civita Castellana a portare a casa la vittoria a Cantù contro una Pool Libertas che gioca una pallavolo perfetta nei primi due parziali per poi subire la rimonta dei laziali.

In gioco non ci sono solo tre punti al PalaParini. Civita, che ha cambiato moltissimo rispetto alla scorsa stagione, arriva alla terza giornata in cerca di una prova convincente. Dall'altra parte, il Pool Libertas Cantù deve confermare le prime due uscite positive contro un avversario d'alto rango.

I due coach confermano i sestetti delle prime due gare. Della Rosa schiera capitan Gerosa in palleggio diagonale con Caio, Richards e Riva schiacciatori, Monguzzi e Alborghetti al centro e Butti libero. Risponde Spanakis con gli ex Preti e Ippolito in posto quattro, Banderò opposto, Marchiani in palleggio, i centrali Valsecchi e Bortolozzo e il libero Lipparini. I laziali nel corso della partita avranno però un grande apporto dalla panchina, in particolare da Marinelli e Sacripanti.

Si parte con la Ceramica Globo Civita Castellana avanti. Riva al servizio impatta 6-6. Il video-check corregge due chiamate arbitrali (una per parte) un servizio out di Baderò e un tocco a muro su attacco di Ippolito. Si prosegue punto a punto fino al 9-9, poi Cantù allunga grazie a Richards che scava l'11-9. Brianzoli ancora avanti e sul 14-11 Spanakis chiama time-out. Civita Castellana torna sotto fino al 19-18, ma è un fuoco di paglia, Caio riporta I suoi a +3 (21-18) il set lo chiude una diagonale dell'opposto paulista 25-21.

Sestetti invariati per il secondo parziale con il Pool Libertas Cantù sempre avanti 6-4, poi 8-5 su un errore di Preti. Un doppio fallo di rotazione su servizio di Banderò vale il 13-13. Poi ci pensa il solito Caio. Cantù avanti 19-15, una pipe di Matteo Riva fa 20-16. Il Pool Libertas non molla alla reazione di Banderò e compagni e gioca colpo su colpo fino al 24-19, con 5 occasioni di chiudere il set. Un errore in battuta di Ippolito consegna il secondo parziale nella mani della squadra di coach Della Rosa sul 25-20.

Da questo punto il Pool Libertas inizia a subire però la reazione avversaria. Saltano attacco e ricezione, saltano pure i server del video-check, si torna quindi al passato, con gli 11 occhi elettronici spenti e qualche dubbio in più su un paio di decisioni.

Cantù non è più così brillante in ricezione come nei primi due parziali e il gioco di Gerosa ne risente. Banderò fa il 3-6 servizio. Sull'11-15 Della Rosa prova la carta Cominetti, ma la rimonta non riesce. Si chiude 21-25.

Quarto set ancora per la Ceramica Globo Civita Castellana. Caio va al servizio sull'8-9 ma finisce sulla rete. Banderò serve ed è 11-9. Muro su Caio per il 14-18. Entra Marchiani su Ippolito e punge al servizio fino al 21-14, massimo vantaggio del match. Della Rosa gioca la carta doppio cambio con Cordano e Olivati. Si chiude 19-25 dentro anche Mazza.

Nel tie-break sull'1-1 Marinelli si infortuna alla caviglia sinistra, anche Ippolito non è al meglio a livello muscolare, Spanakis chiama Sacripanti dalla panchina. Lo schiacciatore non fa rimpiangere i titolari. Monguzzi fa il 3-2, ma la sua battuta finisce in rete. Richards out ed è 4-6. Fiammata di Cantù fino all'8-8. Chiude la Ceramica Globo Civita Castellana 15-11.

Coach Massimo Della Rosa non ha però molti rimpianti. "Abbiamo giocato i primi due set molto bene, soprattutto nella fase break. Siamo stati molto tenaci, toccato tanti palloni a muro e difeso bene. Poi siamo andati in crisi in attacco e c'è stato un calo anche in tutto il resto. Contro squadre come Civita Castellana di grande qualità soprattutto in attacco è poi difficile riprendere il cammino. Loro sono cresciuti e noi siamo scesi. Credo che comunque abbiamo giocato una buona pallavolo. Non abbiamo vinto, è vero, ma contro questi avversari ci può stare".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter