Lecco, 13 luglio 2018   |  

Alla scoperta della Val Vicima e del Rifugio Bernasca

di Giancarlo Airoldi

Continua il viaggio di Resegoneonline, Valtellinanews e Comolive, in collaborazione con Alpstation Brianza alla scoperta dei sentieri noti e meno noti (ma ugualmente belli) delle nostre montagne.

cartina RIFUGIO BERNASCA

La partenza per questo itinerario ha inizio alla frazione Ronco. Dopo aver oltrepassato Campo Tartano in provincia di Sondrio (al chilometro 12,7 dall'inizio della strada provinciale 11 Val Tartano), imbocchiamo via Cosaggio (palina in loco) e risaliamo su strada asfaltata a monte della frazione (possibilità di parcheggio auto).

Iniziamo il nostro cammino seguendo l'evidente segnaletica: dopo aver aggirato sulla destra una cappelletta, continuiamo su una mulattiera raggiungendo un poggiolo con vista sul paese di Tartano. Ora il sentiero si addentra nella Val Vicima, con un bel percorso pianeggiante (attenzione ad alcuni tratti un po' esposti). In breve si raggiungono le baite di Vicima e subito dopo un altro gruppo di baite.

ALPSTATION BRIANZAIgnorata la deviazione a destra per il Barghèt, proseguiamo a sinistra e oltrepassata una baita solitaria usciamo definitivamente dal bosco.

Raggiunta un ultima baita, con casera recentemente ristrutturata, scendiamo verso destra e attraversiamo il torrente. Sempre su carrareccia oltrepassiamo l'ultima piccola baita: da qui seguendo alcuni ometti su un sentiero che sale a zig zag, raggiungiamo il passo Vicima dove è posta una croce in legno.

Ora si scende dal versante opposto e dopo aver superato un canale roccioso, si raggiunge in breve il bel lago Bernasca e il sottostante rifugio.
Il rifugio Bernasca è sempre aperto e autogestito.

Contatti
Gestore: Comune di Colorina
Telefono: 0342492113

Schermata 2018 07 09 alle 09.28.04

mondialfoto LOGOXSITO2018Si ringrazia per la collaborazione nella stesura dei testi e per la parte grafica Federico Cattaneo (MondialFoto).

I percorsi sono stati tracciati per l'occasione con il Gps direttamente da Giancarlo Airoldi.

Il racconto fotografico della salita al rifugio Bernasca:

SUL PERCORSO VISTA SUL DISGRAZIA

Dal percorso la vista sul Disgrazia

 

PASSO DI VICIMA

Passo di Vicima

 

IL LAGO BERNASCA E IN LONTANANZA IL RIFUGIO

Il lago Bernasca e in lontananza il rifugio

 

RIFUGIO BERNASCA

Rifugio Bernasca

 

DALLINTERNO DEL RIFUGIO VISTA SULLE ALPI RETICHE

Dall’interno del rifugio vista sulle alpi retiche

 

 

Scarica la traccia Gpx per la salita: Traccia-RIF-GIANETTI
In caso di difficoltà nello scaricare il file: da pc cliccare con il tasto destro e fare salva con nome; da cellulare tenere premuto sul link e cliccare scarica.

LEGGI ANCHE: Da Malgrate alla vetta del Monte Barro lungo il sentiero 304
LEGGI ANCHE: Da Premana salendo alla vetta del Pizzo Alben
LEGGI ANCHE: Da Chiavenna alla scoperta di Dalò e Lagunc
LEGGI ANCHE: Sui sentieri del Grignone: dal Cainallo alla Bietti-Buzzi
LEGGI ANCHE: Da Fraciscio al Rifugio Chiavenna con lo splendido lago dell'Angeloga
LEGGI ANCHE: Da Rancio in cammino alla scoperta del Regismondo
LEGGI ANCHE: Alla scoperta della Valchiavenna: da Olmo al bivacco Valcapra
LEGGI ANCHE: Dalla Valgerola al rifugio Falc, tra laghetti e il Pizzo Tre Signori
LEGGI ANCHE: Salendo al Bivacco Primalpia, alla scoperta della Val dei Ratti
LEGGI ANCHE: Dal Cainallo al Rifugio Brioschi sulla vetta del Grignone (Via della Ganda)
LEGGI ANCHE: Dall'Alpe di Paglio al Rifugio Santa Rita, tra la Val Varrone e la Val Biandino
LEGGI ANCHE: La salita al Rifugio Omio alla scoperta della Valle dell'Oro
LEGGI ANCHE: Salendo al rifugio Gianetti tra le meraviglie della Val Masino

PER TUTTE LE PRECEDENTI PUNTATE: CAMMINA CON NOI

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Settembre 1870 le truppe del Regno d'Italia entrano a Roma attraverso la breccia di Porta Pia, sancendo così l'unificazione del Paese e la fine del potere temporale dei Papi.

Social

newFB newTwitter