Como, 24 dicembre 2020   |  

Natale, Como, molti regali sono last minute e gastronomici

Sulla tavola dei lariani trionfa il cotechino brianzolo (insieme a vini, formaggi e panettoni)

panettone 5816234 640

Acquisti dei regali di Natale last minute per 3,5 milioni di italiani (compresi comaschi e lecchesi) che quest’anno hanno atteso fino all’ultimo per acquistare i tradizionali doni per se stessi o per gli altri da mettere sotto l’albero. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ sullo shopping in vista del Natale segnato quest’anno dall’emergenza Covid con la chiusura dei negozi e il lockdown previsto dal decreto del 18 dicembre che vieta ogni spostamento nelle giornate festive e prefestive dal 24 dicembre al 6 gennaio. Per i regali la maggioranza del 45% delle famiglie – sottolinea Coldiretti Como Lecco – ha fissato quest’anno un budget tra i 100 ed i 300 euro, il 41% sotto i 100 euro, il 14% dai 300 ai mille euro. La spesa media è pari a 175 euro a famiglia, in calo del 23% rispetto allo scorso anno a causa delle difficoltà economiche causate dalla pandemia che hanno ridotto il budget degli italiani per i doni.

Domani, intanto, sarà l’ultima occasione per fare (o farsi) un regalo di Natale “a chilometro zero” presso gli AgriMercati di Campagna Amica del territorio lariano: in particolare, sarà operativo quello di Giussano (via De Gasperi, ogni giovedì) gestito da Associazione AgriMercato Como Lecco. Qui sarà peraltro possibile scegliere in libertà numerosi prodotti agroalimentari con cui comporre, a casa, il proprio cesto natalizio.

“Il risultato della crisi è anche la tendenza ad indirizzarsi verso regali utili il cibo che, nelle nostre province, risulta tra i più gettonati” affermano Fortunato Trezzi, presidente Coldiretti Como Lecco e Francesca Biffi, presidente associazione AgriMercato di Campagna Amica. “Le famiglie blindate in casa nei giorni clou delle festività trovano consolazione nella tavola e il maggior tempo disponibile si traduce, soprattutto, nella tendenza a cucinare di più per sé e per i propri familiari. Una svolta che spiega quest’anno il boom dei cesti enogastronomici personalizzati secondo le diverse preferenze, a chilometro zero, tradizionale, vegano, salutista o green con le specialità salvate dall’estinzione”.

Molto richiesti i cesti enogastronomici scelti da un lariano su 3 (34%), spinti dalla tendenza a cercare consolazione nella tavola e nella cucina rispetto alle limitazioni agli spostamenti e alla possibilità di pranzi e cene con amici e parenti. Tra i prodotti più presenti nei cesti ci sono – sottolinea la Coldiretti lariana – vini, dolci lievitati tipici e spesso artigianali (su tutti il panettone), ma sono tornati prepotentemente cotechini della tradizione brianzola, le lenticchie e in generale tutti i prodotti tipici locali, cosiddetti a chilometro zero, dai salumi ai formaggi, dall’extravergine al vino, dal miele alle conserve, meglio se preparati direttamente nelle aziende agricole. I prezzi – precisa Coldiretti Como Lecco – variano notevolmente, ma normalmente oscillano dal cesto minimal low cost a 20 euro sino a 200 euro per quello con specialità più ricercate.

Tra le curiosità c’è il fatto che i timori legati all’arrivo della variante inglese del Covid e al proseguire dell’ondata di contagi hanno spingono molti a regalare a parenti e amici mascherine, gel e altri dispositivi di protezione individuale anti-Covid. come le mascherine ma anche il gel, a partire dalle varianti “green”. Dai modelli più fashion realizzati dalle grandi marche a quelli riciclabili che non inquinano ma anche con forme, scritte e disegni curiosi sono tra le scelte più gettonate. Una innovazione che riguarda anche i prodotti igienizzanti con alcune aziende agricole che hanno, infatti, riconvertito le produzioni usando con rosmarino, timo e altre erbe naturali utilizzati per realizzare soluzioni disinfettanti grazie al matrimonio con l’alcool alimentare di alcuni liquorifici. E non mancano i vivaisti che hanno creato siepi e fiori per separare i tavoli e favorire il distanziamento in modo del tutto naturale.

A livello generale è da segnalare – afferma la Coldiretti interprovinciale – la preferenza accordata dall’82% degli italiani all’acquisto di prodotti locali e Made in Italy anche per aiutare l’economia nazionale e garantire maggiori opportunità di lavoro a sostegno della ripresa in un momento di grande difficoltà, sostenuta dalla campagna #mangiaitaliano della Coldiretti.

Per lo shopping il 32% degli acquisti è peraltro pagato dagli italiani con la moneta elettronica spinta dalle preoccupazioni per il contagio da Covid e dalle ultime misure varate per favorire l’uso di bancomat e carte di credito, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Deloitte. A pesare sullo scenario è l’effetto congiunto dell’operazione cashback insieme al boom degli acquisti in rete. Nonostante l’emergenza per Natale, però, il 62% dei consumatori ha dichiarato di scegliere i negozi fisici come la principale meta per lo shopping natalizio a fronte di un 38% che predilige l’online. In particolare lo shopping nei negozi è considerato migliore per le categorie di prodotto più discrezionali che richiedono maggiore attenzione nella selezione e anche un servizio di consulenza.

Nonostante le difficoltà economiche – sottolinea Coldiretti Como Lecco - il 41% dei consumatori quest’anno, in occasione delle festività di fine anno, fanno donazioni o sono coinvolti in qualche opera di beneficenza o volontariato di fronte ad una crisi senza precedenti, con oltre 4 milioni di poveri in Italia che nelle feste di Natale sono costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare nelle mense o con la distribuzione di pacchi alimentari a causa della crisi economica legata al Covid.

La Coldiretti è impegnata in una capillare operazione di solidiarietà nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica di tutta Italia, iniziativa che la scorsa settimana ha fatto tappa anche a Mariano Comense. L’obiettivo per Natale è raccogliere 5 milioni di chili di prodotti tipici da donare soprattutto quei nuclei di nuovi poveri “invisibili” anche grazie al contributo determinante del management dei Consorzi Agrari D’Italia (Cai) e della Coldiretti che ha deciso di rinunciare a propri compensi straordinari a favore di una operazione di solidarietà importante per gli agricoltori e per i tanti cittadini che in questo momento si trovano in difficoltà anche per mangiare.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Gennaio 1992 la Comunità Europea riconosce formalmente la Slovenia e la Croazia.

 

Social

newFB newTwitter